"Scorzè città dell'acqua e degli ortaggi, al centro delle tre province di Venezia, Treviso e Padova"

Dal 10 al 19 maggio 2019

Festa dell'Asparago e della Fragola

44^ FESTA DELL'ASPARAGO E LA FRAGOLA

Gardigiano 6-7-8  13-14-16  maggio 2022

 

il video servizio: https://youtu.be/IlcDvCYHuo4 

 

GARDIGIANO DI SCORZE’: INAUGURATA LA 44^ EDIZIONE DELLA FESTA DELL’ASPARAGO E DELLA FRAGOLA

«Una festa che nasce dalla terra, grazie a tutti i nostri agricoltori». Quest’anno

il freddo notturno ha messo in crisi la produzione dell’asparago verde

 

 

8.5.2022 -Un omaggio agli agricoltori che producono prodotti sani. Un’attenzione alle tradizioni locali perché non vadano perdute. Questi i valori che la Pro Loco di Scorzé cerca di valorizzare in ogni iniziativa dedicata ai prodotti della terra. Anche per la 44^ edizione della Festa dell’asparago e della fragola inaugurata domenica 8 maggio a Gardigiano.

 

«Questa festa nasce dalla terra, dai prodotti della terra, dagli agricoltori che mettono tutta la propria professionalità per produrre prodotti sani e rispettosi della natura e del territorio osservando tutte le regole. Un grazie anche ai tanti volontari che ci mettono il cuore per dare una mano in queste iniziative»: così le parole del sindaco di Scorzé Nais Marcon.

 

«Credo sia proprio il compito delle Proloco mettere in evidenza le peculiarità del territorio» ha aggiunto il presidente della Pro Loco di Scorzè Lorenzo Michielan. «Noi non ci fermiamo mai: abbiamo ripreso questa festa dopo due anni di pandemia e siamo in dirittura d’arrivo per una iniziativa che coinvolgerà tutti i produttori veneti dei “bisi”, i piselli. Questo prodotto, ricordiamolo, veniva consumato a Venezia dal Doge il 25 aprile e veniva anche offerto ai cittadini. Dobbiamo far conoscere a tutti le nostre tradizioni».

 

Ma come sta andando la stagione degli asparagi quest’anno? «La situazione è un po’ problematica perché abbiamo avuto la primavera con le temperature notturne troppo basse» spiega Amerino Durante, produttore dell’asparago verde di Rio San Martino. «L'asparago verde è un germoglio che ha un ciclo breve di crescita: praticamente in due giorni è già buono da raccogliere. Soffre e diventa “ad ombrello” se c’è troppo bagnato o se fa freddo. Il clima ideale è sui 12 – 15 gradi di notte. Di giorno poi non ci sono problemi».

 

La festa proseguirà anche da venerdì 13 a domenica 15 nella tensostruttura all’interno del piazzale della parrocchia di San Donato e non solo. Venerdì 13 maggio alle ore 20.00 la 10^ edizione della cena della costata. Sabato 14 serata giovani con menù particolare. Domenica 15 alle 8.30 escursione in bicicletta da piazza Giovanni Paolo II di Gardigiano. Destinazione Zero Branco con visita al museo della civiltà contadina della famiglia Donà. Accompagnerà la guida naturalistica Davide Simionato che farà conoscere ai partecipanti le bellezze naturalistiche del territorio. (Iscrizioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonando allo 0422 595780 entro il 13/05/2022). Alle 9.30 25^ Motofragola aperto a tutti i tipi di moto organizzato dal Moto Club Scorzè a cui farà seguito il pranzo. Alle 14.30 “Germogli in arte” laboratorio educativo-creativo con l’artista Marilena Corallo. Alle 22 chiusura della festa con torta gigante per tutti. Nei giorni di festa aperto lo stand gastronomico anche per asporto. Info e prenotazioni: tel. e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel.360 713164.

 

 

Festa dell’asparago e della fragola

La festa dell’Asparago e della Fragola è la manifestazione che si tiene da decenni a Gardigiano ed è esempio concreto di come amicizia, fede e passione per il territorio possono fondersi insieme per creare grandi eventi.

Tutto nacque nel settembre del 1975 quando la sagra parrocchiale di Gardigiano, dedicata alla Madonna e che si teneva a Settembre, non era per niente riuscita.

Fu allora che una decina di ragazzi nemmeno ventenni, grandi amici e molto legati alla parrocchia, iniziarono a discutere e a ragionare su un nuovo evento che potesse svolgersi in un periodo differente dell’anno, quando l’offerta di altre sagre nei paesi limitrofi fosse più povera.

Si pensò quindi alla primavera, una stagione dolce che poteva anche invogliare la gente ad uscire dopo il freddo inverno.

Nel 1976, questo gruppetto di giovani propose intanto una prima corsa podistica lungo i vari capitelli del paese. Era un evento sicuramente nuovo, che destava curiosità e che dava il via verso una nuova festa che avrebbe convolto Gardigiano a Maggio.

Deciso il periodo era quindi necessario legare questa nuova sagra ad un prodotto particolare, magari anche diverso dai soliti coltivati in zona per poter invogliare di più la gente a partecipare.

Parlandone anche con don Pietro Nandi, il parroco di Gardigiano dell’epoca, fu naturale la scelta della fragola visto che sia alcuni suoi fratelli a Montebelluna sia un compaesano a Gardigiano la coltivavano.

Sarebbe stata sicuramente una grande novità! Ed ora c’era tutto il necessario per poter iniziare.

Era il 1977.


Una prima festa strutturata in 4 serate e con soli 80 coperti. Pochi, è vero, ma l’entusiasmo che ormai c’era nell’aria era un volano che non avrebbe fermato questa nuova avventura.

Passarono così 18 anni di Festa della Fragola, una festa parrocchiale che stava dando grandi soddisfazioni a Gardigiano.

Nel 1995 si decise di fare un altro grande salto in avanti e di entrare a far parte della ProLoco di Scorzé. Da questo momento la Festa della Fragola diventò la festa dell’Asparago e della Fragola per inserire all’interno della manifestazione anche quell’ortaggio molto diffuso nel territorio di Scorzé nel periodo primaverile.

Ed è così che anno dopo anno a Gardigiano a Maggio si respira sempre una grande aria di festa, un’aria che si cerca ogni anno di rinnovare con menù variegati (dove i risotti con l’asparago e con la fragola la fanno da padroni) e con eventi come il ballo, le cene a tema, le mostre, le gare canore e di bellezza, che attraggono moltissime persone da fuori comune ma anche turisti che in vacanza sono attratti dalla particolarità gastronomiche dell’evento.

Una festa a cui molte associazioni hanno aderito o aderiscono tutt’oggi per la sua riuscita come lo scoutismo, l’AC, l’OMG, gli Amici della Fragola e molte altre senza dimenticare tutta la Parrocchia di Gardigiano.

Una festa che, nata dall’amore per il territorio, non si è scordata di esso e con il ricavato ha supportato, anno dopo anno, le scuole di Gardigiano e Peseggia, adozioni a distanza e famiglie bisognose senza tralasciare il contributo dato per il restauro del campanile, del piazzale davanti alla Chiesa e, infine, alla creazione delle nuove cucine, ultimissima sfida vinta da questo incredibile gruppo che 44 anni fa ha regalato a Gardigiano una nuova vita!

 

Ricette

  • Pasticcio gratinato di Fiori Rossi di Treviso